Giornate di Idrologia 2021

La Società Idrologica Italiana insieme alle Università della Campania organizzano le Giornate dell’Idrologia della SII a napoli presso la sede del Complesso dei SS. Marcellino e Festo  dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. 

L’evento avrà luogo nei giorni 30 settembre e 1 ottobre 2021.

Complesso dei SS Marcellino e Festo a Napoli.

STUDIO DEI FENOMENI IDROLOGICI IN RELAZIONE ALLA TUTELA E SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO’

30 settembre 2021

9.00 – 9.30 Cerimonia di Apertura

9.30 – 11.15 SESSIONE 1: La modellistica idrologica per la previsione delle piene fluviali

9.30 Francipane A., Sottile G., Adelfio G., Noto L.V.

Implementazione di un algoritmo di clustering per l’identificazione delle precipitazioni stratiformi e convettive alla scala d’evento: un’applicazione alle precipitazioni sub-orarie della Sicilia

9.45 Pumo D., Ilarda S.M., Noto L.V.

Un sistema di early warning relativo al rischio idraulico fluviale in ambito urbano basato sulla definizione di scenari di evento: il caso studio di Palermo 

10.00 Bahmanpouri F., Eltner A., Barbetta S., Bertalan L., Moramarco T.

Estimating the velocity and discharge rates using the entropy approach based on a single surface velocity measurement 

10.15 Bonaccorsi, Sinagra, Tarpanelli, Domeneghetti, Tucciarelli, Moramarco, Barbetta

Using high-resolution satellite data for two-dimensional hydraulic modelling calibration

10.30 Fenicia F.

Dietro ogni grande risultato c’è sempre un grande metodo 

10.45 Viterbo F., Mancusi L., Bonanno, R. Lacavalla M., Braca G.

Analisi delle componenti di bilancio idrologico a scala nazionale: confronti tra i modelli NOAH-MP e BIGBANG sul bacino dell’alto fiume Tevere 

11.00 Neri M., Coulibaly P., Toth E.

Identificazione della similarità dei processi di trasformazione afflussi-deflussi: utilizzo della transfer entropy per la classificazione dei bacini 

11.15 – 11.45 Coffe Break

11.45 – 12.15 SESSIONE 2: La modellistica idrologica per la previsione dei fenomeni di innesco frana

11.45 Chiarelli D.D., Bombelli G., Galizzi M., Rosso R., Bocchiola D., Rulli M.C.

Modelling snowmelt influence in shallow landslides triggering in present and future scenarios

12.00 Bernard M., Gregoretti C., Berti M., Simoni A.

Uso di pluviometri e radar meteorologico nei sistemi di allarme per la modellazione delle portate di innesco di colata detritica

12.15 – 13.30 SESSIONE 3: L’idrologia urbana e nella pianificazione del territorio

12.15 Braca G., Bussettini M., Lastoria B., Mariani S., Piva F.

La disponibilità naturale della risorsa idrica in Italia nel periodo 1951–2019: il rapporto ISPRA

12.30 D’Ambrosio R., Longobardi A., Balbo A., Rizzo A.

Combining (de)centralized and centralized storage facilities for a sustainable flood risk mitigation in urban areas

12.45 Mobilia M., Longobardi A.

Identificazione della superficie potenzialmente convertibile in tetti verdi nel bacino del Sarno allo scopo di quantificare la riduzione del rischio idrologico

13.00 Cristiano E., Annis A., Apollonio C., Pumo D., Urru S., Viola F., Deidda R., Pelorosso R., Petroselli A., Tauro F., Grimaldi S., Francipane A., Alongi F., Noto L.V., Hoes O., Nardi F.

Tetti verdi multistrato per lo sviluppo sostenibile di città resilienti: quattro casi studio italiani

13.15 Palla A., Gnecco I.

Enhancing urban flood resilience through domestic rainwater harvesting systems

13.30 – 15.00 Pausa Pranzo

15.00 – 15.45 SESSIONE 3: L’idrologia urbana e nella pianificazione del territorio

15.00 Versace P., Biondi D., Capparelli G., Cruscomagno F., De Luca D.L., De Santis D., Liguori F., Politanò L., Presta D.

Analisi quantitativa del rischio di inondazione e stima della vulnerabilità

15.15 De Angeli S., Boni G., Taramasso A.C., Roth G.

A remote-sensing based methodology for the estimation of population in flood prone areas 

15.30 Padulano R., Rianna G., Costabile P., Costanzo C., Del Giudice G., Mercogliano P.

Stima degli effetti del cambiamento climatico sui fenomeni di pluvial flooding nei contesti urbani: il caso di Napoli

15.45 – 16.00 Coffe Break

16.00 – 18.30 ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

16.00 – 17.00 Assemblea YHS

17.00 – 17.30 Premio Florisa Meloni, Presentazioni Attività

17.30 – 18.30 Assemblea Soci

1 ottobre 2021

8.30 – 10.00 SESSIONE 4: L’idrologia per applicazioni in ambito agroforestale

8.30 Cipolla G., Calabrese S., Porporato A., Noto L.V.

The role of hydrological processes on enhanced weathering for carbon sequestration in agricultural soils

8.45 Laurita B., Castelli G., Resta C., Bresci E.

Stakeholder-based water allocation modelling and ecosystem services trade-off analysis: the case of El Carracillo region (Spain)

9.00 Feki M., Ravazzani G., Caloiero T., Pellicone G.

Use for ecohydrological simulations for sustainable forest management: Bonis catchment case study

9.15 Bonaccorso B., Iannello C.

Stima del deflusso ecologico a valle di un invaso in un corpo idrico non perenne: il caso studio del lago di Ancipa

9.30 Monteleone B., Boszì I., Bonaccorso B., Martina M.

Developing drought vulnerability curves for the agricultural sector in the Po basin

9.45 Capozzi V., Mazzarella V., Annella C., Budillon G.

Identificazione di fenomeni di grandine e stima di precipitazioni nevose da misure radar in banda X

10.00 – 11.15 SESSIONE POSTER

– De Luca D.L., Petroselli A.

STORAGE (STOchastic RAinfall GEnerator): un software user-friendly per la generazione di serie temporali di precipitazione ad elevata risoluzione

– Alongi F., Pumo D., Capodici F., Ciraolo G., Noto L.V.

Large-eddy simulation e tecnica LS-PIV: lo studio della turbolenza superficiale

– Biondi D., Todini E., Corina A.

Probabilistic forecasting assessment from  precipitation ensembles for civil protection purposes through the model conditional processor

– Shrestha S., Zaramella M., Callegari M., Greifeneder F., Dallan E., Borga  M.

Flood modelling over alpine basins by means of ERA5 reanalysis data

– Neri M., Reder A., Rianna G., Toth E.

Future flood events in the Panaro river  through bias-correction of hourly climate scenarios and rainfall-runoff modelling

– Zoratti V., Arnone E., Formetta G., Bosa S., Petti M.

Calibrazione di un modello idrologico semi-distribuito per l’analisi delle colate detritiche nel bacino del fiume Fella, Friuli-Venezia Giulia

– Peres D.J., Cancelliere A.

Confronto delle caratteristiche statistiche dei metodi per la determinazione di soglie pluviometriche per il preannuncio delle frane

– Capparelli G., Spolverino G.

Analisi sperimentale per lo studio del fenomeno di isteresi della SWRC dei suoli piroclastici

– Albertini C., Miglino D., Bove G., De Falco M., De Paola F., Dinuzzi A.M., Petroselli A., Pugliese F., Samela C., Santo A., Speranza G., Manfreda S.

Integration of a probabilistic and a geomorphic method for the optimization of flood detention basins design

– Brigandì G., Aronica G.T.

Previsione di allagamenti pluviali tramite utilizzo di funzioni di trasferimento pluviometriche

– Pirone D., Cimorelli L., Del Giudice G., Pianese D.

Sviluppo di un modello basato sulle reti neurali artificiali per la previsione dei dati di pioggia: risultati preliminari 

– Roati G., Formetta G., Pecora S., Brian M., Rigon R. 

Hydrological modeling and water budget quantification of the Po river basin through the GEOFRAME system

– Candela A., Aronica G.T.

Studio dell’efficienza idraulica di pavimentazioni semi-permeabili per il controllo degli allagamenti pluviali: applicazione ad un caso reale

– Ardizzone F., Biddoccu M., Fiorucci F., Meisina C., Valentino R.

Compattamento dei suoli e frane superficiali in ambiente agricolo: studio preliminare

– Peli M., Siena M., Barontini S., Riva M., Ranzi R. 

Simulazione della dinamica del piano di flusso nullo in suoli di pianura proni all’arricchimento di metalli pesanti

– Falanga Bolognesi S., De Michele C., Mastracchio C., Ferraiuolo A., Belfiore O.R., D’urso G.

Investimenti in opere di irrigazione collettiva che contribuiscono alla mitigazione del rischio in relazione ad eventi siccitosi applicando il metodo SPI: un applicazione nel Consorzio Generale di Bonifica del bacino inferiore del Volturno

– Totaro V., Kuczera G., Gioia A., Iacobellis V.

Modelling multidecadal variability in eastern Australia flood data with the two-component extreme value distribution

– Aronica G.T., Sechi G.M., Martina M., Brigandì G., Arena C., Arosio M., D’Ayala M., Di Francesco M., Napolitano J.

Risk-based design delle opere idrauliche per la mitigazione del rischio di inondazione: il progetto RIDES-IDRO

11.15 – 11.30 Coffe Break

11.30 – 13.00 TAVOLA ROTONDA

13.00 – 14.30 Pausa Pranzo

14.30 – 16.30 SESSIONE 4: L’idrologia per applicazioni in ambito agroforestale

14.30 D’Amato C., Tubini N., Bancheri M., Rigon R.

LYSGEO 1D for modelling interactions of critical zone, vegetation and atmosphere

14.45 Longobardi A., Boulariah O., Villani P.

Ricostruzione di un database di piogge mensili per la regione Campania: analisi delle condizioni di siccita’ descritte dall’SPI

15.00 Falanga Bolognesi S., De Michele C., Mastracchio C., Ferraiuolo A., Belfiore O.R., D’urso G.

Stima dei danni ad aree agricole mediante l’impiego di immagini satellitari: il caso studio del Consorzio Generale di Bonifica del bacino inferiore del Volturno

15.15 Falanga Bolognesi S., De Michele C., Corbo N., Gabriele L., Tora M., Trani G., Belfiore O.R., D’urso G.

Mappatura delle aree allagate mediante analisi multi-temporale ed impiego di dati di sentinel-1: il caso di studio del Consorzio di Bonifica dell‘Agro Pontino

15.30 Cipolla S.S., Montaldo N.

Spatiotemporal evolution and impacts of climate change on forest cover in Sardinia

15.45 Gelmini Y., Zuecco G., Zaramella M., Penna D., Borga M.

Runoff events classification based on streamflow- water table hysteresis

16.00 Arnone E., Preti F., Dani A., Noto L.V.

Sulla modellazione della coesione radicale

16.15 Gangi F., Galli A., Costabile P., Costanzo C., Castagna A., Gandolfi C., Masseroni D.

IRRISURF2D: a combined mathematical tool for managing surface irrigation

16.30 – 16.45 Coffe Break

16.45 – 18.30 SESSIONE 5: Dimensionamento Idrologico Metodi e Prospettive – ricordando Fabio Rossi

16.45 Treppiedi D. , Cipolla G. , Francipane A. , Noto L.V. 

Individuazione dei trend di pioggia per la Sicilia utilizzando un approccio multiscala basato sulla regressione a quantili

17.00 Gnecco I., Palla A., Roth G., Giannoni F.

Analisi spaziale del regime delle piogge intense di durate oraria e superiori sul territorio ligure

17.15 Avino A., Manfreda S., Cimorelli L., Pianese D.

Trend of annual maximum rainfall in Campania region (southern Italy)

17.30 Pelosi A., Chirico G.B., Furcolo P., Villani P.

Verso un aggiornamento delle analisi di frequenza regionali delle precipitazioni estreme in Italia: limiti della procedura VAPI, nuove evidenze e prospettive

17.45 Napolitano F., Russo F., Moccia B., Bertini C., Buonora L., Lucantonio M., Soncin L.

Correzione delle curve idf tramite scenari di cambiamento climatico a supporto della realizzazione di sistemi di drenaggio resilienti

18.00 Dallan E., Borga M., Zaramella M., Marra F.

New methodology reveals the role of enhanced summer convection in the intensification of extreme precipitation in the eastern Italian Alps

18.15 Koutsoyiannis D., Montanari A.

BLUECAT: un metodo innovativo per stimare l’incertezza di previsioni di deflussi fluviali

Comitato Scientifico

Giuseppe Tito Aronica – Università degli Studi di Messina

Daniela Biondi – Università degli Studi della Calabria

Martina Bussettini – ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale

Angela Corina –  Protezione Civile 

Guido d’Urso – Università degli Studi di Napoli Federico II

Nicola Fontana – Università degli Studi del Sannio di Benevento

Roberto Greco– Università degli Studi della Campania

Salvatore Manfreda – Università degli Studi di Napoli Federico II 

Tommaso Moramarco – CNR IRPI

Domenico Pianese – Università degli Studi di Napoli Federico II 

Riccardo Rigon – Università degli Studi di Trento

Elena Toth – Università degli Studi di Bologna

Pasquale Versace – Università degli Studi della Calabria

Giorgio Budillon – Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

Luigi Cimorelli – Università degli Studi di Napoli Federico II

Giovanni B. Chirico – Università degli Studi di Napoli Federico II

Luca Cozzolino – Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

Andrea D’Aniello – Università degli Studi di Napoli Federico II

Renata Della Morte – Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

Antonia Longobardi – Università degli Studi di Salerno

Vittorio Pasquino – Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale- Ufficio Grandi Progetti

Anna Pelosi – Università degli Studi di Salerno

Enrique Ortiz – Idrologia e Ambiente Srl  

Nunzio Romano – Università degli Studi di Napoli Federico II

Paolo Villani – Università degli Studi di Salerno

Partners

Sponsor

Aumentare le prestazioni di LSPIV sfruttando l’indice SDI a diverse scale spaziali

Gli approcci basati su immagini per le stime della velocità superficiale stanno diventando sempre più popolari a causa della crescente necessità di metodi di monitoraggio del flusso fluviale a basso costo. In questo contesto, le caratteristiche e le dinamiche di seeding lungo il metraggio video rappresentano una delle variabili chiave che influenzano i risultati della velocimetria dell’immagine. Studi recenti evidenziano la necessità di identificare le impostazioni dei parametri in base alle condizioni di flusso locali e ai fattori ambientali apriori, rendendo difficile automatizzare l’uso di approcci velocimetrici per immagini per il monitoraggio continuo. L’indice di distribuzione seeding (SDI) – recentemente introdotto dagli autori – identifica la migliore lunghezza della finestra di frame di un video da analizzare, riducendo i carichi computazionali e migliorando le prestazioni della velocimetria dell’immagine. In questo lavoro, proponiamo un metodo basato su una soglia media di serie temporali SDI con filtraggio del rumore. Questo metodo è stato testato su tre casi di studio in Italia e convalidato su uno nel Regno Unito, dove è disponibile un numero relativamente elevato di misurazioni. Seguendo questo metodo, abbiamo osservato una riduzione dell’errore del 20-39% rispetto all’analisi del video completo. Questo effetto benefico appare ancora più evidente quando l’ottimizzazione viene applicata a scale di sottosettore, nei casi in cui SDI mostra una marcata variabilità lungo la sezione trasversale. Infine, è stato proposto, calibrato e convalidato un parametro empirico t per usi pratici per definire la soglia SDI. t ha mostrato valori relativamente stabili nei diversi contesti in cui è stato applicato. È probabile che l’applicazione dell’indice di semina alla velocimetria basata su immagini per le stime della velocità del flusso superficiale aumenti l’accuratezza della misurazione negli studi futuri.

Citazione: Dal Sasso, S.F., A. Pizarro, S. Pearce, I. Maddock, S. Manfreda, Increasing LSPIV performances by exploiting the seeding distribution index at different spatial scales, Journal of Hydrology, 2021. https://doi.org/10.1016/j.jhydrol.2021.126438

Stima del contenuto idrico del suolo con UAV

Le informazioni acquisite dagli Unmanned Aerial Vehicles (UAV) sono frequentemente utilizzate al giorno d’oggi in una varietà di discipline e campi di ricerca. Il presente studio esplora per la prima volta l’uso combinato degli UAV con una tecnica recentemente proposta per stimare la frazione evaporativa (EF) e l’umidità superficiale del suolo (SSM). L’indagine viene eseguita in un tipico ambiente mediterraneo, un campo di agrumi con topografia piatta divisa in due trame con diversi schemi di irrigazione, in Sicilia, Italia, a cui i dati a terra acquisiti durante una vasta campagna di campo nel luglio 2019. Sono state prodotte stime ragionevoli sia di EF che di umidità superficiale, con modelli in accordo con la frammentazione della copertura vegetale, la topografia e altre caratteristiche specifiche del sito. La convalida mostra un errore medio di 0,053 per EF e di 0,040 cm3 cm-3 per SSM. I risultati sono paragonabili o migliori a quelli riportati in studi analoghi eseguiti in aree simili. Questo implica che l’approccio studiato funziona bene nelle condizioni semi-aride che caratterizzano il set up sperimentale. A nostra conoscenza, questo studio rappresenta la prima valutazione dell’uso combinato del “triangolo semplificato” con immagini UAV ad alta risoluzione. Come tale, i risultati sono significativi per quanto riguarda il potenziale uso futuro dell’approccio “triangolo semplificato” in particolare con immagini a risoluzione molto fine come quelle fornite da UAV per la mappatura e il monitoraggio EF e SSM in ecosistemi agricoli e naturali.

Pubblicazione: Petropoulos, G.P., A. Maltese, T. N. Carlson, G. Provenzano, A. Pavlides, G. Ciraolo, D. Hristopulos, F. Capodici, C. Chalkias, G. Dardanelli, S. Manfreda, Exploring the use of UAVs with the simplified “triangle” technique for Soil Water Content and Evaporative Fraction retrievals in a Mediterranean setting, International Journal of Remote Sensing, VOL. 42, NO. 5, 1623–1642, (doi: 10.1080/01431161.2020.1841319) 2021. [pdf]

Idrologia Superficiale

Da oggi è disponibile la versione e-book del libro “Appunti di Idrologia Superficiale” pubblicato dalla casa Editrice Aracne


SINTESI: Il testo offre spunti ed approfondimenti sui processi idrologici superficiali e con particolare riferimento all’interazione acqua-suolo tenendo in considerazione anche le esigenze di carattere tecnico-pratico del lettore. Per tale motivo, oltre a proporre dei contenuti di carattere generale sul tema dell’idrologia superficiale, vengono riportate informazioni utili alla caratterizzazione idrologica in differenti contesti del territorio nazionale. 

Disponibile al linkAracne Editrice

Linee guida per il monitoraggio con DRONI

Con il ruolo crescente che i sistemi aerei senza pilota (UAS) stanno giocando nella raccolta dei dati per gli studi ambientali, due sfide chiave riguardano l’armonizzazione e la fornitura di una guida standardizzata per la raccolta dei dati, e anche la definizione di protocolli che sono applicabili in una vasta gamma di ambienti e condizioni. In questo contesto, una rete di scienziati sta cooperando nell’ambito del progetto Harmonious per sviluppare e promuovere strategie di mappatura armonizzate e diffondere una guida operativa per garantire le migliori pratiche per la raccolta e l’interpretazione dei dati. Il culmine di questi sforzi è riassunto nel presente manoscritto. Attraverso questo studio di sintesi, identifichiamo le molte interdipendenze di ogni fase della catena di raccolta ed elaborazione, e delineiamo approcci per formalizzare e garantire un flusso di lavoro e uno sviluppo del prodotto di successo. Dato il numero di condizioni ambientali, vincoli e variabili che potrebbero essere esplorate dalle piattaforme UAS, non è pratico fornire protocolli che possono essere applicati universalmente in tutti gli scenari. Tuttavia, è possibile raccogliere e ordinare sistematicamente la conoscenza frammentata sulla raccolta e l’analisi UAS per identificare le migliori pratiche che possono garantire lo sviluppo snello e rigoroso dei prodotti scientifici.

Pubblicazione: Tmušić, G.; Manfreda, S.; Aasen, H.; James, M.R.; Gonçalves, G.; Ben-Dor, E.; Brook, A.; Polinova, M.; Arranz, J.J.; Mészáros, J.; Zhuang, R.; Johansen, K.; Malbeteau, Y.; de Lima, I.P.; Davids, C.; Herban, S.; McCabe, M.F. Current Practices in UAS-based Environmental Monitoring. Remote Sens.12, 1001, 2020. [pdf]

Stima delle aree inondabili mediante le caratteristiche geomorfiche e climatico-idrologiche del bacino

Un indice topografico (descrittore di inondazione) che combina la scala della profondità di piena con la morfologia è stato dimostrato per descrivere la tendenza di un’area ad essere inondata. Tuttavia, questo approccio dipende dalla qualità e dalla disponibilità delle mappe delle inondazioni e presuppone che i risultati possano essere direttamente estrapolati e ridimensionati. Questo lavoro tenta di rilassare questi problemi e rispondere a due domande: 1) Si possono stabilire relazioni funzionali tra un descrittore di inondazione e le caratteristiche geomorfiche e climatico-idrologiche del bacino? 2) In caso affermativo, possono essere utilizzate per una modellazione predittiva a bassa complessità delle estensioni delle piene? Le regressioni lineari stepwise e le regressioni random forest sono sviluppate sulla base dei risultati di classificazione di un descrittore di inondazione, utilizzando i risultati di modellazione delle inondazioni ad alta risoluzione come benchmark di formazione, e sulle caratteristiche del bacino. I bacini idrografici elementari di quattro bacini fluviali in Europa (Tamigi, Weser, Reno e Danubio) servono come set di dati di allenamento, mentre quelli del bacino del fiume Rodano in Europa servono come set di dati di test. Sono considerati due periodi di ritorno, il 10 e il 10.000 anni. La previsione delle estensioni delle inondazioni e delle aree soggette a inondazioni mostra che entrambi i modelli raggiungono alti tassi di successo rispetto ai benchmark di test. I valori medi sono stati trovati superiori al 60% e all’80% per i periodi di ritorno di 10 e 10.000 anni, rispettivamente. Nonostante un tasso di falsa scoperta da moderato ad alto, anche il valore dell’indice di successo critico è stato trovato da moderato ad alto. Si dimostra che mettendo in relazione i risultati della classificazione con le caratteristiche del bacino idrografico si può ottenere la previsione delle estensioni di inondazione dell’involucro per una data regione, compresi i bacini non bonificati.

Pubblicazione: Tavares da Costa, R., S. Zanardo, S. Bagli, A. G. J. Hilberts, S. Manfreda, C. Samela, e A. Castellarin, modellazione predittiva di estensioni di inondazione busta utilizzando caratteristiche geomorfiche e climatico-idrologiche bacino, Water Resources Research, (doi: 10.1029/2019WR026453), 2020.

Il monitoraggio ambientale con droni

UAS offrono un’opportunità straordinaria per colmare il divario esistente tra le osservazioni sul campo e il tradizionale telerilevamento aereo e spaziale, fornendo dettagli spaziali elevati su aree relativamente ampie in modo conveniente e una capacità completamente nuova di recupero. Oltre a mostrare i recenti progressi nel campo, è anche necessario identificare e comprendere i potenziali limiti della tecnologia UAS. Affinché queste piattaforme raggiungano il loro potenziale di monitoraggio, un ampio spettro di problemi irrisolti e sfide specifiche dell’applicazione richiedono un’attenzione mirata della comunità. In effetti, per sfruttare appieno il potenziale degli approcci basati sugli UAS, è necessario armonizzare le tecnologie di rilevamento, i protocolli di misurazione, le tecniche di post-elaborazione, gli algoritmi di recupero e le tecniche di valutazione. Lo scopo di questo documento è fornire una panoramica della ricerca e delle applicazioni esistenti degli UAS nel monitoraggio degli ecosistemi naturali e agricoli al fine di identificare direzioni, applicazioni, sviluppi e sfide future.

Pubblicazioni: Manfreda, S., M. F. McCabe, P. E. Miller, R. Lucas, V. Pajuelo Madrigal, G. Mallinis, E. Ben-Dor, D. Helman, L. Estes, G. Ciraolo, J. Müllerová, F. Tauro, M. I. de Lima, J. L. M. P. de Lima, A. Maltese, F. Frances, K. Caylor, M. Kohv, M. Perks, G. Ruiz-Pérez, Z. Su, G. Vico, and B. Toth, On the Use of Unmanned Aerial Systems for Environmental MonitoringRemote Sensing, 10(4), 641; (doi:10.3390/rs10040641) 2018.  [pdf