Appunti di Idrologia Superficiale

Da oggi è disponibile la versione e-book del libro “Appunti di Idrologia Superficiale” pubblicato dalla casa Editrice Aracne.


SINTESI: Il testo offre spunti ed approfondimenti sui processi idrologici superficiali e con particolare riferimento all’interazione acqua-suolo tenendo in considerazione anche le esigenze di carattere tecnico-pratico del lettore. Per tale motivo, oltre a proporre dei contenuti di carattere generale sul tema dell’idrologia superficiale, vengono riportate informazioni utili alla caratterizzazione idrologica in differenti contesti del territorio nazionale.

Disponibile al link: http://www.aracneeditrice.it/index.php/pubblicazione.html?item=9788854832039

Posted on Categories News

Giornate dell’Idrologia 2020

La Società Idrologica Italiana (SII) insieme alle Università della Campania stanno organizzando le Giornate dell’Idrologia 2020 che si terranno a Napoli il 16-18 luglio 2020. Save the date!

Esito dell’Esonero 21/01/2020 – UNIBAS

Qui di seguito si riportano i risultati dell’esonero svolto in data 21/01/2020 sostenuto dagli studenti di Architettura e PAVU. La registrazione avrà luogo il giorno 05/02/2020 alle ore 12:00 presso lo studio del docente.

Gli studenti di PAVU sono pregati di presentarsi con le esercitazioni del corso per la discussione finale.

CognomeNomeMatricolaEsito
    
GenoveseLorenzo5469824
Di TraniAlessandra5293519
MarcantonioAnnarita5467318
PastoreAndrea54599non superato
BitondoAnna5466923
LivrieriGiuseppe5463421
ErricoFlavia54686non superato
DimolaNicola5466322
PipioAnnarita5464821
DentamaroVito5479119
D’AlessandroDonatella54672non superato
La GrottaDavide5463619
AllkociAlessia5463719
BoragineMarica54632non superato
FontanaMariagrazia54633non superato
TriaPaola54742non superato
MiglionicoDonato54674non superato
CascioneLeonardo4157818
AltamuraFrancesco4178019
Del VecchioMoira54662non superato
MatteucciGiuseppe54804non superato
IelpoMariacarmela5470318
QuattrominiArianna54664non superato
NolèErika54650non superato
RicciManuela54656non superato
De MarinisSabrina Leonarda54690non superato
ScarabaggioAnna54658non superato
LorussoDonatella5464018
QuaratinoIrene5469622
CristalloMaria5466619
MarmoreAntonio5467126
OstuniGiovanni5469227
AdoranteLiliana5469425
MonitilloTommaso5468327
DebernardisMichele5468824
BellinsegnaRosa5468229
AltamuraDaniele5171124
FarinaFrancesco5776718
RubinoLucia5463518
QuintoFrancesco5465718
SolazzoGiuseppe Vito5466518
RomanoAlessandra5748023
BevilacquaBrian Giuseppe5400018
VentimigliaRosa5692023
BuonoFlorinda5800418
MontefineseMargherita5691923
SolazzoArcangela5800524
NardulliMarco5244118
De MarinoFrancesco5800226
OlivaSarah5764023
ModugnoFelice5285824
MoroEmanuele5676421
CentolaSaverio5184922
AliaTahir57998non superato
CaputoDionisio5216222
ViggianoAntonella Lorenza58003non superato
MaffeiGiovanni5200027
MingioneMichele57474non superato
LeoneVincenzo5189023
D’AlòVito5192226
AdduceCarmen57119non superato
MoliterniFabio5184127
AngeliniGiuseppe5191123
PellegrinoAnnabruna5747228
StiglianoStella5744030
CalossoFederica52368non superato
FloresGiuseppe5330226
SimonettiAngelica Vita57310non superato
PapagniVito5676327
Posted on Categories News

Registrazione ESONERO 21/01/2020

Tutti gli studenti che volessero sostenere l’esonero previsto per il corso di idrologia/ecoidrologia previsto per il prossimo 21 gennaio sono pregati di registrarsi utilizzando seguente form

L’esonero avrà luogo nell’aula A203 alle 10:30

Posted on Categories News

Training Course “Monitoring Natural and Agricultural Ecosystems with Unmanned Aerial Systems (UAS)”

HARMONIOUS Training Course 2020  – Villach, 26.-29.2 2020

COST Action HARMONIOUS is organizing a Training Course on UAS-based moitoring of Natural and Agricultural Ecosystems.

Program:

  1. Preprocessing of the UAS data
  • Flight planning and data preprocessing
  • Radiometric Calibration
  • 3D reconstruction with UAS (Photogrammetry)
  • Quality assessment of the UAS-products
  1. UAS Vegetation Monitoring

Explaining the theory and methods, hand on activities on the case studies

  • Monitoring Natural Ecosystems – plant composition/change and forest structure
  • Monitoring Agricultural Ecosystems – plant stress and soil moisture monitoring
  • Practical examples
  • Subgroup Activities on the case studies proposed by trainers (each participant chooses either natural or agricultural topic, students will work in small groups on the sample data provided with the help of material provided and tutors)

Location

Carinthia University of Applied Sciences (CUAS)

Spatial Information Management, Europastrasse 4, A-9524 Villach, Austria

CUAS Campus in Villach/St. Magdalen

Costs

Free of charge, accommodation and travel will be supported by the COST Action HARMONIOUS – Harmonization of UAS techniques for agricultural and natural ecosystems monitoring. Selected students will receive an economical support of 800€.

Registration

To register, fill the form at https://forms.gle/MZXoCxow6jrCD5rv5

Places are limited and registration works on first come, first serve bases. For more information see https://www.costharmonious.eu/

Posted on Categories NewsTags

Applications of Small Unmanned Aircraft Systems: Best Practices and Case Studies

Small Unmanned Aircraft Systems can access hazardous or inaccessible areas during disaster events and provide rapid response. This is the first book that brings together the best practices of sUAS applied to a broad range of issues in high spatial resolution mapping projects. The case studies included in this book are sUAS based projects.

KEY FEATURES

• Focuses on small UAS based data acquisition and processing into high spatial resolution map products;

• Introduces practical guidance on choosing small UAS hardware, sensors, and software utilized for geospatial mapping;

• Includes a broad range of recently developed case studies lead by highly experienced academics;

• Provides a holistic overview of scientific data acquisition and processing issues and approaches for applications in natural resources, urban environment, disaster response, socio-economic and socio-cultural domains;

• Explains FAA regulations and highlights the different approaches required for mission planning and data analysis.

ORDER NOW AND GET 20% Discount

Il ruolo dei droni nella tutela del territorio ed il monitoraggio ambientale

Il monitoraggio rappresenta la principale fonte di conoscenza nelle scienze ambientali. I recenti progressi nelle tecnologie nell’ambito dell’Osservazione della Terra offrono molteplici possibilità per il monitoring e la tutela ambientale. I Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR), noti anche con la denominazione di droni, consentono di effettuare una nuova gamma di rilievi ambientali ad altissima risoluzione. Una delle caratteristiche chiave dei sistemi SAPR deriva dalla possibilità di operare come piattaforma multi-sensore, offrendo una visuale estesa dallo spettro del visibile a quello dell’infrarosso termico.

In questo articolo, vengono presentate le principali attività di monitoraggio ambientale svolte dal gruppo di ricerca HydroLAB dell’Università della Basilicata.

Mappatura termica dei vigneti delle Cantine del Notaio a Maschito (PZ)

Manfreda, S., S.F. Dal Sasso, L. Mita, Il ruolo dei droni nella tutela del territorio ed il monitoraggio ambientale, Knowledge Transfer Review, n. 5, 110-115, 2019. [link]

Special issue on Remote Sensing

It is with great pleasure that we invite you to contribute to a Special Issue in the journal Remote Sensing  is dedicated to UAS-based studies focusing on environmental monitoring. Particularly, we welcome contributions with:

  • Added value of UAS data in environmental monitoring;
  • Methods and procedures for UAS data processing;
  • Use of UAS in precision farming;
  • Innovative applications of UAS data for rapid environmental mapping and change detection;
  • Advanced applications of UAS data for monitoring vegetation state, crop production, soil water content, river evolution, and stream flow;
  • Potential of different sensors and algorithms for environmental variables.

The deadline for manuscript submission is December 31, 2019.

Detailed information about the special issue as well as information and guidelines for abstract submission can be found here

Contents of the Special Issue

Multispectral Mapping on 3D Models and Multi-Temporal Monitoring for Individual Characterization of Olive Trees by J. M. JuradoL. OrtegaJ. J. Cubillas and F. R. Feito Remote Sens. 202012(7), 1106; https://doi.org/10.3390/rs12071106 – 31 Mar 2020 Cited by 2 Abstract 

Drone-Based Optical Measurements of Heterogeneous Surface Velocity Fields around Fish Passages at Hydropower Dams by Dariia StrelnikovaGernot PaulusSabine KäferKarl-Heinrich AndersPeter MayrHelmut MaderUlf Scherling and Rudi Schneeberger Remote Sens. 202012(3), 384; https://doi.org/10.3390/rs12030384 – 25 Jan 2020 Cited by 1 Abstract 

UAV-Based Biomass Estimation for Rice-Combining Spectral, TIN-Based Structural and Meteorological Features by Qi JiangShenghui FangYi PengYan GongRenshan ZhuXianting WuYi MaBo Duan and Jian Liu Remote Sens. 201911(7), 890; https://doi.org/10.3390/rs11070890 – 11 Apr 2019Cited by 5Abstract 

Mapping and Monitoring of Biomass and Grazing in Pasture with an Unmanned Aerial System by Adrien MichezPhilippe LejeuneSébastien BauwensAndriamandroso Andriamasinoro Lalaina HerinainaYannick BlaiseEloy Castro MuñozFrédéric Lebeau and Jérôme Bindelle, Remote Sens. 201911(5), 473; https://doi.org/10.3390/rs11050473 – 26 Feb 2019Cited by 5 – Abstract

Posted on Categories NewsTags

In Basilicata droni e tecnologie d’avanguardia per il monitoraggio ambientale

L’intervista di T3 Innovation BasilicataLink

In Basilicata è nota l’attenzione per i sistemi di monitoraggio ambientale e la prevenzione dei rischi idrogeologici considerando l’articolata costituzione geografica del territorio. Oltre alle tecniche di telerilevamento e le misurazioni sul campo, è possibile studiare l’impatto del clima sui sistemi naturali ed agricoli, i processi idrologici, l’ottimizzazione delle risorse idriche e la prevenzione dei disastri naturali anche mediante sensori di prossimità montati su drone.

A tal proposito abbiamo intervistato Salvatore Manfreda, Professore Associato di Costruzioni Idrauliche e Marittime e Idrologia presso l’Università degli Studi della Basilicata, Responsabile scientifico dell’accordo di collaborazione per l’avvio del Centro Funzionale Decentrato della regione.

Professore, quali linee di ricerca segue il suo gruppo?  La mia attività di ricerca è concentrata sul tema della previsione degli eventi idrologici estremi, realizzando strumenti e modelli per la pianificazione e l’allertamento in tempo reale. A tal proposito, abbiamo recentemente concluso un accordo di collaborazione con la Regione Basilicata per l’avvio del Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile regionale, struttura delegata al monitoraggio e all’allertamento di fenomeni estremi. Il lavoro ha portato alla realizzazione di un portale di Web-GIS in grado di sistematizzare le misure provenienti dalla rete di monitoraggio pluvio-idrometrica e fornire previsioni di portata a 36 ore relativamente all’intero territorio regionale.
Negli ultimi anni, insieme al mio gruppo di ricerca composto da 3 assegnisti di ricerca e 3 dottorandi oltre me, la nostra attenzione si è focalizzata anche sull’utilizzo di nuove tecnologie per il monitoraggio ambientale e in particolar modo su tecniche no contact, ossia che non prevedono l’interazione diretta di un operatore in campo. Nello specifico stiamo utilizzando sistemi a pilotaggio remoto (droni) per il monitoraggio idraulico, per ottenere mappature spaziali ad alta risoluzione finalizzate a caratterizzare il contenuto idrico del suolo, per caratterizzare lo stato di stress della vegetazione e per descrivere la morfologia dei suoli. Queste applicazioni possono fornire un significativo avanzamento per previsioni idrogeologiche, rilievi post-event, scopi agronomici, ottimizzazione della gestione dell’acqua, caratterizzazione di eventi franosi, ecc.

Quali sono le possibili applicazioni pratiche della sua attività di ricerca che pensa possano destare l’interesse nel settore privato?Oltre chiaramente agli innumerevoli vantaggi legati alla prevenzione del rischio ambientale, più prettamente di competenza pubblica, certamente di grande importanza è l’apporto che la nostra attività di ricerca può dare nell’ambito dell’Agricoltura di precisione e in particolare nell’individuazione precoce di infestanti o epidemie delle colture. Mi riferisco, per esempio, all’individuazione di batteri come la Xylella, responsabile della distruzione di piantagioni di ulivo. La termografia da drone può essere, inoltre, un importante strumento per la valorizzazione del patrimonio archeologico: grazie alla sua capacità di cogliere elementi sotterrati, la tecnologia è in grado di tracciare con precisione elementi strutturali ricoperti da terreno della zona archeologica di interesse. Il monitoraggio idraulico con drone, infine, è un importante strumento anche per il settore della costruzione di opere idrauliche per studiare, per esempio, l’erosione delle pile di un ponte e progettare opere di sistemazione fluviale.
In questo percorso, come T3 Innovation le è stato utile e su quali aspetti? T3 Innovation ci ha supportati nello scouting di bandi di ricerca volti a finanziare le attività scientifiche del gruppo. Gli Innovation Advisor della struttura, inoltre, hanno effettuato per noi un’importante attività di cross fertilization che ci ha portati ad un’interlocuzione con ALSIA e con un’azienda del territorio per svolgere dei test, attraverso l’utilizzo di termografie da drone, su specifiche epidemie che colpiscono colture molto diffuse sul territorio regionale. Certamente apprezzabile, infine, l’attività di dissemination che la struttura ci sta offrendo per agevolare la divulgazione dei risultati delle nostre attività di ricerca, favorendo il trasferimento delle conoscenze dal mondo accademico a quello delle imprese.

Come vede la sua attività nel prossimo futuro? Quali sono i prossimi step che intende perseguire? Nei prossimi 3 anni sarò impegnato nel coordinamento di un progetto Horizon 2020 Cost Action finalizzato alla costruzione di protocolli per l’utilizzo di droni per il monitoraggio ambientale che vede coinvolti 36 paesi e circa 100 ricercatori. Un tema in forte interesse a livello internazionale con grandissime prospettive di crescita che vanno di pari passo con la miniaturizzazione delle tecnologie, protagoniste delle nostre attività scientifiche.

Posted on Categories NewsTags