Effetto del contenuto idrico del suolo antecedente per la definizione delle soglie di pioggia per l’innesco di frane

Eventi di frane poco profonde innescate dalla pioggia hanno causato perdite di vite umane e milioni di euro di danni alle proprietà in tutte le parti del mondo. La necessità di prevenire tali pericoli, combinata con la difficoltà di descrivere i processi geomorfologici su scale regionali, ha portato all’adozione di soglie empiriche di pioggia derivate da registrazioni di eventi piovosi che innescano frane. Queste soglie di intensità delle precipitazioni sono generalmente calcolate, assumendo che tutti gli eventi non siano influenzati dalle condizioni antecedenti di umidità del suolo. Tuttavia, ci si aspetta che le condizioni di umidità del suolo antecedenti possano fornire un supporto critico per la corretta definizione delle condizioni di innesco. Pertanto, abbiamo esplorato il ruolo dell’umidità del suolo antecedente sulle soglie critiche di intensità e durata delle precipitazioni per valutare la possibilità di modificare o migliorare gli approcci tradizionali. Lo studio è stato condotto utilizzando 326 eventi franosi verificatisi negli ultimi 18 anni nella regione Basilicata (Italia meridionale). Oltre ai dati ordinari (cioè l’intensità e la durata dei temporali), abbiamo anche derivato le condizioni di umidità del suolo antecedenti utilizzando un modello idrologico parsimonioso. Questi dati sono stati utilizzati per derivare le soglie di intensità delle precipitazioni condizionate dalla saturazione antecedente del suolo, quantificando l’impatto di tali parametri sulle soglie delle precipitazioni.